Il primo negozio dove non esistono le casse

videosorveglianza, soluzioni retail, videocamere

E' già realtà, e anche il nostro gruppo ha la soluzione per monitorare i tuoi negozi

Il progetto, chiamato Amazon Go, è stato elaborato per circa cinque anni ed è divenuto realtà questo lunedì, con l’apertura di un punto vendita a Seattle. L’intenzione è quella di aprire la strada a una serie di negozi fisici per tutti gli Stati Uniti e in un futuro anche nel resto del mondo, proponendo un nuovo metodo di acquisto mai visto prima.

Come funziona. L’ingresso del negozio è composto da una serie di gate simili a quelli presenti all’ingresso della metropolitana, che permettono il passaggio soltanto a coloro che hanno installato sul proprio smartphone l’app di Amazon. I clienti possono in autonomia prendere dai vari scaffali i prodotti di cui hanno bisogno, senza utilizzare alcun lettore di codice a barre e senza dover estrarre dal portafogli banconote o carta di credito. Gli stessi dispositivi che regolano l’ingresso sono infatti utilizzati per effettuare il pagamento, grazie ad una tecnologia che l’azienda non ha voluto però rendere pubblica. Quando il cliente sorpassa il gate d’uscita, Amazon addebita in maniera automatica il conto totale sulla carta di credito collegata al proprio account. Secondo gli esperti, tutto ciò è possibile grazie ad un sofisticato sistema di sensori e videocamere disposti in tutto il negozio, che permettono ad un computer di identificare ogni articolo del negozio, senza bisogno di contrassegnarli con un chip.

Nessuna coda alla cassa. Il momento della coda alla cassa può essere un momento molto fastidioso per chi è abituato a fare spesso la spesa in un supermercato. Il maggior beneficio di questo sistema è proprio la possibilità di saltare completamente questo passaggio. «Quando si esce da Amazon Go – spiega Nick Wingfield del New York Times – si ha quasi l’impressione di rubare». Lo stesso giornalista, con il permesso dei responsabili del negozio, ha provato realmente ad ingannare il sistema, ma la merce che ha provato a nascondere è stata rilevata e regolarmente aggiunta al conto finale.

 

Fonte BergamoPost

Pagine collegate
Mai più banner pubblicitari indesiderati
Pagine collegate
Safer Internet Day 2018, i consigli per...
Pagine collegate
Le 10 aziende leader nel centenario dal...
Goinfoteam è un partner...
Goinfoteam è business...
Goinfoteam è partner...
Powered by
GO Infoteam